news

Crea pdf

GIUSTIZIA PER I NUOVI DESAPARECIDOS

14/07/2014

 È una tragica routine che si ripete ormai da anni. Immagini di barconi pieni di persone stipate in condizioni disumane, naufragi, morte e disperazione. Per chi riesce ad arrivare sulle coste italiane c’è solo la detenzione in campi di ogni sorta, la difficoltà nell’accedere al diritto all'asilo e lo stato di abbandono in cui di fatto si ritrovano quei profughi che hanno ottenuto una qualche forma di protezione internazionale. È una triste sequela di fronte alla quale si rischia l'assuefazione, il facile ricorso a capri espiatori, o a scorciatoie securitarie. Dietro quelle notizie, quei nomi, quei numeri ci sono bambini, donne, uomini con la loro dignità e i loro diritti umani inalienabili. Dignità e diritti che sono loro sottratti quando diventano oggetto di diatriba politica, carne da macello per campagne elettorali, immagini sbiadite di un video che li ritrae abbracciati in fondo al mare. Dinanzi al dolore degli altri dobbiamo prendere posizione. I morti di oggi sono un anello della lunghissima catena segnata ai suoi inizi, per quanto ci riguarda direttamente, dallo speronamento di un barcone pieno di albanesi da parte di una nave della nostra Marina Militare nel 1997.

Sono, queste morti, gli effetti collaterali di un contesto mondiale in cui l’accaparramento delle risorse della terra da parte di una esigua minoranza della popolazione mondiale produce nel resto del pianeta miseria, disastri ecologici, guerre, proliferazione nucleare e degli armamenti.

La migrazione dei tanti che da mille rotte arrivano alle sponde del Mediterraneo ne è conseguenza diretta.
Ma quei tanti sono una parte, soltanto, dei tantissimi costretti a lasciare i loro paesi e però ostacolati da politiche europee e dalla proliferazione di accordi con governi non sempre democratici della sponda sud. Altri ancora verranno decimati dai respingimenti o semplicemente lasciati in mare a morire di fame e di sete, perché questo è quanto ciclicamente avviene: impossibile credere che non vengano segnalati da satelliti, navi, elicotteri e aerei che continuamente solcano, sorvolano e controllano il Mediterraneo e il deserto del Sahara, anche nell’ambito d’azione di Frontex. La stessa operazione Mare Nostrum, pur garantendo il soccorso a migliaia di persone, denuncia limiti evidenti: spesso comincia proprio da qui il percorso che condanna rifugiati e migranti alla invisibilità e alla sparizione.

Sono ormai decine e decine di migliaia le vittime di questa spirale perversa di violenza di fronte alla quale non basta più l'indignazione, né gli strumenti messi a disposizione dal diritto hanno finora permesso di rendere verità e giustizia alle loro famiglie, identificando e sanzionando le responsabilità dei singoli, dei governi e delle istituzioni. È l'esistenza di una visione politica propria degli Stati, dell’Europa e della NATO, che condanna alla sparizione i tanti che attraversano il deserto e il Mediterraneo. È difficile ormai nasconderselo: questa frontiera è una grande muraglia che contiene ma allo stesso tempo filtra la mobilità umana, violando così i diritti fondamentali e producendo gerarchie e sfruttamento. Insomma il Mediterraneo è il buco nero di un'Europa che non sa o non vuole essere solidale, presa dall'ossessione del controllo delle sue frontiere e attraversata da rigurgiti nazionalisti, xenofobi e razzisti.

Ossessione securitaria e razzismo sono due facce della stessa medaglia e vanno sconfitte attraverso gli strumenti del diritto e della politica. Noi, attivisti, rappresentanti di associazioni di migranti, famiglie dei nuovi desaparecidos, giuristi ed esponenti della società civile riteniamo intollerabile tutto ciò. Per questo ci rivolgiamo ai governi, all'Unione Europea, agli organismi internazionali, ai movimenti, alle organizzazioni non-governative e a tutti coloro che hanno a cuore la dignità e i diritti delle persone. Lo facciamo all'apertura del semestre italiano di Presidenza dell'Unione Europea perché crediamo che il rispetto e la tutela dei diritti umani, che dovrebbero essere il fondamento del progetto europeo, debbano essere costantemente riaffermati e difesi.

Le responsabilità vanno chiarite. A tal fine proponiamo la convocazione di un tribunale internazionale di opinione, sulla scia del Tribunale Russell e del Tribunale Permanente dei Popoli, che offra alle famiglie dei migranti scomparsi un'opportunità di testimonianza e rappresentanza; contribuisca ad accertare le responsabilità e le omissioni di individui, governi e organismi internazionali; e fornisca uno strumento per l’avvio delle azioni avanti agli organi giurisdizionali nazionali, comunitari, europei e internazionali. Vogliamo ricostruire la verità, sanzionare i responsabili e rendere giustizia a vittime e famigliari.

Rivendichiamo il diritto ad essere informati sul contenuto degli accordi stipulati dagli Stati europei in materia di controllo delle frontiere dei paesi attraversati dalle persone dirette verso l’Unione europea; sulle forme di cooperazione militare e di polizia instaurate tra gli Stati europei e i paesi di origine e transito dei migranti; sulle regole di ingaggio delle forze impiegate nell’attività di “contrasto all’immigrazione clandestina”; sui comportamenti effettivamente tenuti da queste forze in occasione delle tragedie avvenute lungo i percorsi dei migranti; sui campi di contenimento e detenzione dislocati nei paesi di passaggio.

Dobbiamo interrompere il ciclo di disinformazione che si fa indifferenza e impotenza. Occorre mettere insieme una molteplicità di attori ascoltando, in primo luogo, la voce dei diretti interessati, gli esuli e i migranti, le vittime e i testimoni.

Chiediamo che l'Unione Europea adotti tutti gli strumenti necessari per arrestare questo massacro, prevedendo una politica comune di asilo e accoglienza, l’apertura di canali umanitari, laddove sussistano situazioni di conflitto o gravi violazioni del diritto, essenziali per sottrarre le migliaia di migranti all’arbitrio e allo sfruttamento da parte di trafficanti di esseri umani.

Chiediamo all'Unione Europea, al Parlamento Europeo e agli Stati Membri l’istituzione di commissioni d’inchiesta sui nuovi “desaparecidos”, la ratifica della Convenzione ONU sui Diritti dei Lavoratori Migranti e delle loro Famiglie e l'abolizione della cosiddetta direttiva rimpatri del 2008, detta “della vergogna” per il suo contenuto fortemente repressivo.

Chiediamo che le istituzioni si impegnino a garantire con tutti gli strumenti disponibili il riconoscimento dell’identità delle vittime e offrano ai loro famigliari un luogo di raccoglimento e cordoglio che restituisca dignità alle persone scomparse.


       10 luglio 2014                    Il Comitato “Giustizia per i nuovi desaparecidos”


Primi firmatari
Julio Algañaraz; Cristina Ali Farah; Andrea Amato; Mario Angelelli; Carla Romana Antolini; Massimo Aprile; Angiolina Arru; Fatima Azaoui; Gabriel Baravalle; Clotilde Barbarulli; Daniele Barbieri; Jonis Bascir; Piero Basso; Francesca Bellino; Giovanni Maria Bellu; Rino Bianchi; Maria Luisa Boccia; Barbara Bonomi Romagnoli; Liana Borghi; Clarissa Botsford; Paolo Buffoni; Alfonso Cacciatore; Rosario Josefina Cáceres; Enrico Calamai; Don Marco Campedelli; Martina Campi; Antonella Cancellier; Silvia Canciani; Isabelle Chabot; Luisa Ciffolilli; Angiola Codacci Pisanelli; Tullia Colombo; Letizia Cottafavi; Dagmawi Yimer; Claudio De Fiores; Rosario De Zelo; Angelo Delogu; Manuela Derosas; Pape Diaw; José Luis Dicenta; Hevi Dilara; Emilio Drudi; Udo Enwereuzor; Meron Estefanos; Susanna Fantino; Giuseppe Faso; Gianni Ferrara; Mariella Fino; Simonetta Focaccia; Francisca Frias; Mercedes Frias; Stefano Galieni; Mariana Gallo; Darìo Pignotti Garcia; Gianluca Gatta; Tommaso Giartosio; Betty Gilmore; Annabella Gioia; Gabriella Guido; Ahmed Hafiene; Maria Rosa Jijon; Rosa Jijon; Rachid Khay; Franca Langatta; Alessandro Leogrande; Monica Luchi; Maria Immacolata Macioti; Anna Maffei; Safia Mahmoud; Ainom Maricos; Susanna Marietti; Marina Martignone; Francesco Martone; Raffaella Mascarino; Marcello Mastrangeli; Giorgio Mazzanti; Roberta Mazzanti; Karim Metref; Cristina Mihura; Marzia Minutillo Turtur; Filippo Miraglia; Francesca Moccagatta; Zahra Omar Mohamed; Luisa Morgantini; Arnoldo Mosca Mondadori; Flore Murard-Yovanovitch; Maria Elena Murcia; Samanta Musaro; Grazia Naletto; Pasqualina Napoletano; Marise Nicchi; Chiara Nielsen; Selena Nobile; Mariella Pala; Mauro Palma; Giovanni Palombarini; Edda Pando; Franca Parizzi; Isabella Peretti; Daniele Petruccioli; Claudio Pipitone; Alessandro Portelli; Sara Prestianni; Enrico Pugliese; Pilar Reuque; Annamaria Rivera; Lucy Rojas; Dora Salas; Arturo Salerni; Eric Salerno; Federico Sartori; Abdul Scego; Suban Igiaba Scego; Ribka Sebhatu; Gaspar Segafredo; Giuliana Sgrena; Carla Stabielli; Domenico Stimolo; Lorenzo Teodonio; Alessandro Triulzi; Giuliano Turone; Gabriel Tzeggai; Fulvio Vassallo Paleologo; Augusto G Vegezzi; Pietro Veronese; Vera Vigevani Zarach; Tsegehans Weldeslassie; Don Mussie Zerai; Luca Zevi; Carolina Zincone, AMM - Archivio delle memorie migranti; ASGI; Associazione Asinitas Onlus; Associazione Per I Diritti Umani; Il cammino della musica; In Migrazione Onlus; Movimento degli Africani, Progetto Diritti